0544 408913   -     333 2062013    -     ail.ravenna@ail.it
Seguici su

Malattie del sangue

Il sangue è la vita per il nostro corpo. Esso contiene i globuli rossi che fanno “respirare” l’organismo trasportando l’ossigeno ai tessuti,i globuli bianchi che lo difendono dalle infezioni e le piastrine che bloccano le emorragie; esso contiene anche il plasma che trasporta anticorpi, fattori della coagulazione, sostanze nutritizie, ed altro. Tutto questo è prodotto dal midollo osseo. Talvolta il midollo osseo può ammalarsi,anche gravemente. La leucemia acuta è una malattia tumorale del midollo osseo che porta ad una mancata produzione delle cellule “buone” del sangue con conseguenti severi rischi per l’organismo.
L’esposizione a radiazioni ionizzanti, a derivati del petrolio, a solventi, a pesticidi e altro aumenta il rischio di ammalarsi di leucemia.
L’80% circa delle leucemie acute infantili e il 30% di quelle dell’adulto possono oggi guarire.
Il trapianto di midollo osseo, che si può fare in una limitata percentuale di pazienti, selezionati per età, condizioni cliniche, remissione della malattia o meno, compatibilità col donatore, consente la guarigione in più della metà di essi.Oggi questa procedura è applicata ad un numero di pazienti più ampio ripsettoal passato, a causa di un migliore controllo delle complicanze della malattia da trapianto verso l’Ospite.
La Ricerca si svolge in campo clinico e sperimentale. Nel primo caso, essa consiste nella continua messa in atto di nuovi protocolli terapeutici per valutare l’efficacia di nuovi farmaci o di nuove combinazioni di farmaci.
Nel secondo caso, gli ultimi 20-30 anni hanno visto enormi progressi nella conoscenza dei meccanismi che portano alla formazione del cancro, e della leucemia in particolare. Queste conoscenze, frutto del lavoro di tanti ricercatori, anche Italiani, costituiscono la base per la terapia mirata alla correzione del difetto molecolare della cellula leucemica. Ad oggi ciò è possibile in un numero limitato di patologie tumorali del sangue, ma enormi progressi sono stati fatti e modificando la storia naturale di diverse malattie del sangue con sensibile aumento della sopravvivenza e guarigione in percentuali sempre maggiori.
Per questo fine la ricerca deve essere sostenuta concretamente.
Dal 1994 presso l’Ospedale di Ravenna è in funzione un Servizio di Ematologia. Esso è costituito da ambulatori, un Day Hospital, 11 letti di degenza all’interno di un reparto tutto a bassa carica microbica, nel contesto di un Dipartimento di Oncologia ed Ematologia che si appresta ad assumere una connotazione più ampia di Area Vasta Romagna. Un numero sempre maggiore di pazienti vi si rivolge per ricevere cure appropriate. I Reparti clinici sono affiancati da DH, ambulatori per esterni, Hospice e Assistenza Domiciliare in modo che tutte le tipologie di pazienti possano ricevere cure, intensive o palliative, secondo necessità. Molti problemi devono ancora essere risolti e per questo richiedono l’impegno costante non solo di chi lavora nei laboratori di ricerca e nelle corsie di ospedale, ma anche di coloro che vogliono in qualsiasi maniera offrire un supporto.
È importante che le conoscenze scientifiche e cliniche vengano divulgate.

Ravenna AIL è nata per questo.